Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

GLI OCCHI AZZURRI NELL’ANTICO EGITTO

Uno studio condotto dall’Università di Copenaghen in Danimarca sostiene che tutte le persone con gli occhi azzurri hanno un antenato comune.

Così ha spiegato il fenomeno il professor Hans Eiberg del Dipartimento di medicina cellulare e molecolare.

“All’inizio avevamo tutti gli occhi marroni ma una mutazione genetica che influenzava il gene OCA2 nei nostri cromosomi ha portato alla creazione di un ‘interruttore’ che letteralmente ‘disattivava’ la capacità di produrre occhi marroni. Tutti gli individui con gli occhi azzurri sono legati allo stesso antenato e hanno tutti ereditato lo stesso interruttore nello stesso punto del loro DNA”.

Tale caratteristica era rara (si parla oggi dell’8% della popolazione mondiale), e spesso era considerata un segno degli dei: cosi’ come in Egitto anche presso i Sumeri, in Peru’ ed in India, dove vivevano popolazioni di pelle ed occhi scuri sono state trovate statue con gli occhi blu, spesso raffiguranti divinita’.

MonolituM © 2020 Tutti i diritti riservati.