Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

I druidi erano sacerdoti pacifici o profeti pericolosi?

Adoravano la natura o fomentavano la ribellione? Non si sa molto dell’antica classe sociale di persone conosciute come Druidi, ma ciò non ha mai impedito alle persone di speculare sulla loro vera natura.

I primi resoconti dettagliati dei Druidi risalgono al I secolo a.C., ma è probabile che abbiano stabilito il loro ruolo speciale all’interno delle antiche comunità di quella che oggi è Gran Bretagna, Irlanda e Francia molto prima. La parola deriva da una trascrizione latina della parola celtica per una classe sociale di persone tra gli antichi celti che si occupavano di profezia e rituale.

Poiché gli antichi celti non usavano la parola scritta, tutti i nostri resoconti sui druidi provengono da estranei, in particolare i romani. I druidi ‘sono impegnati in cose sacre, conducono sacrifici pubblici e privati ​​e interpretano tutte le questioni religiose’, scrisse Giulio Cesare negli anni ’50 a.C., dopo che Roma invase la Gallia (Francia moderna). L’imperatore notò il loro interesse per l’astronomia, l’educazione e il valore e la loro abitudine di sacrificare i compagni Galli per ottenere il favore degli dei usando uomini di vimini pieni di uomini vivi e incendiati.

Una rappresentazione del 17 ° secolo di Wicker Man, una pratica celtica presunta da Giulio Cesare in cui le vittime vengono infuse in un’effigie di vimini di un uomo e incendiate.

Altri scrittori romani si sono anche fissati sull’amore dei sangue e del sangue dei Druidi. Plinio il Vecchio scrisse dell’apprezzamento dei Druidi sia per il vischio che per il sacrificio umano. ‘Uccidere un uomo significava compiere il massimo della devozione’, scrisse, ‘e mangiare la sua carne significava assicurare le più alte benedizioni della salute’. Tacito descrisse persino una battaglia in Galles in cui i Druidi ‘[coprivano] i loro altari con il sangue dei prigionieri e [consultato] le loro divinità attraverso viscere umane ‘.

I praticanti pagani hanno presentato una minaccia esistenziale ai romani, che temevano il potere dei druidi sulle comunità celtiche che Roma aveva conquistato. La classicista Jane Webster suggerisce che le visioni e i riti apocalittici dei Druidi fossero visti come atti di resistenza ai conquistatori romani, che repressero i Druidi e i loro rituali a partire dal regno di Augusto nel 27 a.C.

Il cristianesimo iniziò a farsi strada in Francia e nelle isole britanniche nel I secolo d.C. e, con il passare dei secoli, si diffuse su molte tradizioni celtiche. Ma i druidi continuarono a comparire nella letteratura medievale, suggerendo che i preti pagani in seguito diventarono guaritori e maghi. Tuttavia, dal momento che non abbiamo resoconti scritti dei Celti precristiani, è praticamente impossibile verificare eventuali affermazioni storiche sui Druidi. Tuttavia, i druidi hanno attraversato diversi risvegli nel corso dei millenni, tra cui una rinascita di epoca romantica e un’incarnazione del 21 ° secolo come druidismo moderno.
Le storie popolari di oggi

Sebbene gli storici fossero venuti a respingere le affermazioni romane della presunta brutale tradizione religiosa dei Druidi come esagerata, la controversia sui loro rituali potenzialmente raccapriccianti fu sollevata di nuovo – letteralmente – nel 1984. Quell’anno, un cutter di torba trovò resti umani nel Cheshire, in Inghilterra. Questa non fu una scoperta normale: Lindow Man, come divenne noto, era stato conservato nella palude per quasi 2000 anni, ed era apparentemente diventato un corpo di palude dopo aver subito colpi alla testa e essere stato pugnalato e strangolato prima di essere lasciato morto nella palude. Il suo stomaco conteneva polline di vischio, il che portò alla controversa speculazione che fosse sacrificato ritualmente, forse dai Druidi, o che fosse lui stesso un principe Druido. (Guarda gli archeologi mettere insieme la storia di Lindow Man.)

È allettante fare congetture sulla vera natura dei druidi, ma poiché la maggior parte di ciò che si sa di questa antica classe sociale proviene da fonti secondarie, è impossibile verificare la maggior parte delle affermazioni. Anche il termine sembra essere stato una coperta designazione per studiosi, filosofi, insegnanti e uomini santi che si occupano di natura, giustizia e magia. E l’archeologia non ha neanche grandi risposte. ‘Attualmente, tra gli archeologi non vi è consenso su come le prove materiali si colleghino ai druidi anche all’interno dello stesso paese’, scrive Ronald Hutton di History Today. ‘Non è stato scoperto un singolo artefatto ovunque gli esperti universalmente e inequivocabilmente concordano di essere druidici.’ Allora e ora, l’idea dei druidi evoca sia la magia che il mistero

MonolituM © 2020 Tutti i diritti riservati.