Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Le 10 leggende più terrificanti dei Nativi Americani

In quasi tutte le culture, i miti e le leggende possono servire come racconti di ammonimento, mantenendo un piede nella realtà pratica e l’altro nel regno del soprannaturale … e non sorprende che i racconti di ammonimento più efficaci siano anche i più spaventosi.

Le antiche tradizioni delle popolazioni indigene del Nord America sono varie e di vasta portata come il continente stesso, e a meno che tu non sia ben versato nella tradizione autoctona, potresti non capire quante di quelle storie sono popolate da spiriti orribili, fantasmi , streghe, demoni e mostri … e dal momento che siamo nel settore degli spaventi, condivideremo con te quelli più da incubo.

Molte delle creature spaventose elencate di seguito si estendono su più tribù e, in alcuni casi, centinaia di generazioni. Quindi, se indaghi ulteriormente sulle loro origini, vedrai che hanno molti nomi e tratti diversi, a seconda di dove vengono raccontati i loro racconti.

In altre parole, ci sono forze del male in agguato ovunque … quindi faresti meglio a fare i compiti!

Camazotz

Camazotz: Il pipistrello della morte

Questa feroce creatura ha origine con gli antichi Maya, che lo descrivevano come un potente mostro-dio del dominio infernale di Xibalba, dove presiede sciami di pipistrelli vampiri assetati di sangue. Sebbene abbastanza potente da distruggere intere civiltà, Camazotz fece un trattato con gli esseri umani per portare loro il fuoco … ma in cambio, chiese sacrifici umani.

Chenoo

Cheeno: Il gigante di ghiaccio

Sebbene alcuni racconti descrivano il Chenoo come una creatura simile a Bigfoot, la leggenda originale del popolo Wabanaki racconta che una volta era un essere umano, ma a un certo punto commise un orribile crimine, per il quale gli dei lo maledissero e trasformarono il suo cuore in ghiaccio. Il suo spirito congelato è stato quindi intrappolato nel corpo di un mostro pesantemente simile a un troll, che divora qualsiasi essere umano su cui possa mettere le mani.

Flying_Head

Kanontsistonties: Le teste volanti

I miti irochesi includono alcuni racconti da incubo, ma le teste volanti sono le più inquietanti da molto tempo. Ci sono molte storie su queste creature malvagie, la maggior parte delle quali le ritraggono come una sorta di vampiro, e hanno dimensioni variabili da minuscole a gigantesche. La storia più familiare riguarda una delle bestie che attacca una donna che stava arrostendo le castagne; la creatura ingerì accidentalmente un carbone caldo dal fuoco, che lo bruciò in cenere.

Image Credit: iStock/Mizu001

Mishipeshu: La pantera dell’acqua

La storia di Water Panther abbraccia diverse tribù, tra cui Cree, Algonquin, Ojibwe e Shawnee. Di solito è descritto come un felino gigante simile a un drago, e l’elemento più comune è l’habitat acquatico del mostro; si annida nei laghi e nei fiumi, aspettando che gli umani si avvicinino all’acqua, quindi li trascina sotto e li annega. Si dice anche che abbia una coda prensile e scattante che la aiuta a ringhiare la sua preda.

Image Credit: iStock/frentusha

Yee Naaldlooshii: The Skinwalker

Conosciuto principalmente per il folklore navajo, Skinwalker è essenzialmente l’equivalente nordamericano del lupo mannaro. Nella maggior parte dei racconti, la creatura è un essere umano magico o maledetto – di solito uno sciamano che prende parte a una cerimonia eretica progettata per evocare forze del male, in modo che possa assumere le caratteristiche di un animale. Quell’animale può assumere molte forme, tra cui lupi, orsi e uccelli. Se lo sciamano rimane troppo a lungo in forma animale, può perdere completamente la sua umanità, il che lo rende ancora più pericoloso.

Ghost_Witch

Skudakumooch: The Ghost-Witch

Una delle figure più spaventose della mitologia di Passamaquoddy e Micmac, si dice che Ghost-Witch sia nata dal cadavere di uno sciamano che praticava la magia nera; l’entità demoniaca emerge quindi ogni notte con un omicidio nella sua mente. Possono essere uccisi con il fuoco, ma attenzione se ci si avvicina a uno: il semplice contatto visivo o l’ascolto della voce della strega può provocare una maledizione diabolica verso gli incauti.

Image Credit: Paranormal Guide

Tah-tah-kle’-ah: le donne gufo

Dalla tribù Yakama arrivano storie di cinque donne soprannaturali che assomigliano a gufi giganti, che dimorano nelle caverne di giorno e volano fuori di notte per depredare qualsiasi tipo di creatura, compresi gli umani. In realtà, si dice che preferiscano il gusto dei bambini. La leggenda vuole che possano cacciare gli umani imitando la loro lingua. Il gufo stesso è un simbolo di morte in molte culture native, quindi le donne gufo sono essenzialmente un’incarnazione ambulante della morte stessa.

Image Credit: iStock/Renphoto

Teihiihan: The Little Cannibals

Tra le figure più temute nelle leggende di Cheyenne e Arapaho (e altro), questi umanoidi selvaggi possono essere di dimensioni infantili, ma sono incredibilmente forti e spesso attaccano in gran numero. Secondo alcuni miti, i Teihiihan erano temibili guerrieri in una vita precedente, risuscitati come nani dopo essere morti in battaglia. La maggior parte di quei racconti afferma che alla fine furono spazzati via da un’alleanza di diverse tribù.

Image Credit: iStock/Daniel Bayliss

Uktena: il serpente cornuto

Le leggende cherokee presentano in modo prominente questo colosso simile a un drago, che si ritiene abbia avuto origine come un essere umano, prendendo la forma di una serpentina per cercare vendetta su coloro che li hanno fatti torto. Proprio come i draghi del mito europeo, ci sono storie di uomini che dimostrano il loro coraggio affrontando una delle bestie potenti, che sono anche alla velocità della luce e possono divorare una persona in un morso.

Image Credit: NBC

Wendigo: il male che divora

Probabilmente la creatura più potente e mortale del folklore nordamericano, il Wendigo appare in molte leggende tribali, ma la descrizione più conosciuta viene dalle comunità che circondano la regione dei Grandi Laghi. Molte delle leggende sono racconti cautelativi che impongono tabù contro il cannibalismo, sostenendo che qualsiasi essere umano che mangia la carne di un altro verrà trasformato in una creatura del puro male – una forma di Manitou maledetta con insaziabile appetito. Nemmeno i propri cari sono al sicuro dalla loro fame eterna.

MonolituM © 2020 Tutti i diritti riservati.